Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi
Foto

Le stalle non sono diventate distributori di benzina


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1 risposta a questa discussione

#1
PMCONSULTING

PMCONSULTING

    Ecocompatibile

  • Members
  • Stelletta
  • 1 messaggi
Un po’ di tempo fa mi è venuta una “curiosità”: ma quanto tempo usiamo per fare rifornimento di carburante?
Tenendo conto del tempo passato a usare la pompa che sta erogando il rifornimento, un paio rifornimenti al mese per dodici mesi….a qualcuno potrebbe sembrare poco, ad altri invece un discreto spreco di tempo….
Ora pensate se questo tempo si potesse utilizzare per fare cose utili, piacevoli o proficue, se il serbatoio si…riempisse da solo e noi potessimo andare a recuperare l’auto quando supponiamo che il rifornimento sia finito…o magari anche un pochino dopo….
Ora, oltre ai noti risparmi economici e vantaggi ecologici, anche in questo ambito lo sviluppo della mobilità elettrica potrebbe essere la soluzione ma….la ricarica lenta delle batterie rispetto al rifornimento di carburante e la minore autonomia dei mezzi elettrici sembrerebbe aumentare il problema invece che esserne la soluzione, e quindi si studiano costose colonnine di ricarica super potenti e macchine con costose super batterie ma….
Perché andare in un distributore di benzina dotato di colonnine super potenti ma costose magari dotati di costose macchine elettriche con super batterie?
Sarebbe un po’ come se circa 200 anni fa avessero messo le pompe di benzina di fianco alle mangiatoie per i cavalli delle carrozze, ma….LE STALLE NON SONO DIVENTATE DISTRIBUTORI DI BENZINA…. ( o almeno probabilmente non proprio tutte….)
Perché quindi non ripensare completamente la gestione dell’uso dei mezzi di trasporto privati, e ricaricare l’auto elettrica dove, quando, e come è più comodo a noi, invece che a lei?....arrivo in ufficio e ricarico, vado al ristorante e ricarico, vado in palestra o in piscina e ricarico, faccio la spesa e ricarico, alla sera arrivo a casa e….ricarico … senza sprechi di tempo ma soprattutto appunto quando e dove lo decido io….
Fantascienza?
Come trovare il sistema per poter avere questo vantaggio in termini anche di tempo (a mio modesto parere la cosa più preziosa che esista…) e alla fine anche di denaro (che non fa mai male….) ?
LA SOLUZIONE C’E’, ed è anche già disponibile, relativamente economica, smart e….friendly…
Infatti, come in parte già successo per la rivoluzione informatica, si è trattato di prendere diversi strumenti che da soli non sarebbero la soluzione ideale, metterli insieme e farli dialogare, quindi interconnetterli, renderli appunto smart ed ottenere la COLONNINA DI RICARICA INTELLIGENTE, interattiva, che rende tramite una APP per Smartphone ottimale razionale ed efficiente la gestione dell’energia necessaria al mezzo (cosa che ora semplificando fa solo la lancetta dell’indicatore del carburante), gestibile da remoto da produttori e fornitori di beni e di servizi, con una variegata serie di vantaggi pratici ed economici per tutti, guidatori di macchine elettriche, gestori di attività che offrano il servizio di ricarica ai loro clienti, presenti e futuri, gestori della rete di distribuzione di energia elettrica….e magari un domani chissà, anche per i nostri polmoni e quelli delle nuove generazioni….

https://www.facebook...portoelettrico/

 



#2
Sile650

Sile650

    Ambientalista

  • Super Moderatore
  • StellettaStellettaStelletta
  • 4681 messaggi
  • Gender:Male
  • Location:Treviso

Se non sbaglio un po' tutti i gestori di colonnine elettriche puntano su quel che dici tu. Il guaio è che per farlo su larga scala dovremmo avere una colonnina per ogni posto auto. 

Se invece l'auto elettrica resta una nicchia snob allora vanno benissimo le due tre colonnine per ogni supermercato ecc.


Se leggi, sono a metano...




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 members, 0 guests, 0 anonymous users